login  Login  
Password dimenticata?
Facebook   Twitter   YouTube   Feed RSS
 
 

aree tematiche

 

Noi per te

 

I nostri servizi

 

Servizio civile nazionale

 

Ti vuoi informare

 

Centro di prevenzione usura

 

Centro Europeo Consumatori Italia

 

 

comunicati rss stampa


ricerca

 

28 settembre 2017
 

 


SOGIN/AMBIENTE/NUCLEARE

 

De Masi: smantellare i siti nucleari o restituire soldi ai consumatori elettrici



Carlo De Masi, Presidente di Adiconsum nazionale:

Basta rinvii sul decommissioning nucleare.

Sogin proceda, senza perdere altro tempo,
a mettere in sicurezza il materiale radioattivo

o si restituiscano i soldi ai consumatori

 

 

 

28 settembre 2017 – Apprendiamo da diversi organi di stampa, che hanno portato all’attenzione dati preoccupanti per tutti i consumatori, che il piano per il decommissioning degli impianti nucleari e della messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi affidato alla Sogin, non solo è stato attuato per appena il 25%, ma che i suoi costi continueranno a lievitare e che subirà ulteriori rinvii passando dal 2019, termine fissato con la direttiva Bersani, al 2025.

 

Per i consumatori si prospetta un ulteriore aggravio della bolletta – dichiara Carlo De Masi, Presidente di Adiconsum nazionale. Nella bolletta elettrica, infatti, è presente una componente di costo specifica, relativa allo smantellamento dei siti nucleari e alla messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi, che gli utenti pagano regolarmente da anni INUTILMENTE.

 

Ma il problema non è solo l’aumento della bolletta – prosegue De Masi. La non messa in sicurezza dei rifiuti radioattivi mette a grave rischio la salute pubblica, l’ambiente e anche l’immagine del nostro Paese, a vocazione fortemente turistica.

 

Adiconsum chiede con forza e a gran voce a Governo e Parlamento di intervenire presso la società di Stato, Sogin, affinché dia finalmente  attuazione al decommissioning per cui è pagata. In caso contrario si  restituiscano i soldi ai consumatori elettrici. Basta rinvii e perdite di tempo! – conclude De Masi.

 


Share |

 


 
 

Archivio >>