login  Login  
Password dimenticata?
Facebook   Twitter   YouTube   Feed RSS
 
 
 

aree tematiche

 

Noi per te

 

I nostri servizi

 

Servizio civile nazionale

 

Ti vuoi informare

 

Centro di prevenzione usura

 

Centro Europeo Consumatori Italia

 

 

telecomunicazioni / tecnologia > 

FURTO DI ELETTRICITÀ E “STATO DI NECESSITÀ” SONO DUE COSE DISTINTE
FURTO DI ELETTRICITÀ E “STATO DI NECESSITÀ” SONO DUE COSE DISTINTE
Lo dice una sentenza della Cassazione respingendo un ricorso
11 settembre 2017

Ha perso il ricorso la consumatrice che si era allacciata abusivamente alla rete elettrica e voleva che il reato di furto commesso rientrasse tra quelli esenti da condanna perché messo in atto per “stato di necessità”. La Corte di Cassazione, chiamata a decidere quale ultimo grado di giudizio, nel caso specifico, non ha rinvenuto alcun nesso tra tale furto e lo stato di necessità addotto dalla donna. Secondo la legge, infatti, si può invocare lo “stato di necessità” in caso di pericolo di arrecare un danno grave alla persona.  Nel suddetto caso, la Suprema Corte, nel ritenere in questo caso specifico l’energia elettrica un bene non indispensabile, ha respinto il ricorso.

 

Questa sentenza e soprattutto l’affermazione della Corte sulla non indispensabilità dell’energia elettrica ha suscitato molte polemiche. Ad avviso di Adiconsum, l’elettricità è un bene essenziale e indispensabile per una vita dignitosa, ma ciò non giustifica comportamenti contrari alla legge. La sentenza della Corte era specifica per quel caso. Le affermazioni contenute nelle sentenze non vanno decontestualizzate, ma lette e interpretate in quell’ambito specifico




 

Share |
 

 

arg non trovato